il Programma

Oltre 100 appuntamenti fra dibattiti, confronti, presentazioni di libri e interviste, workshop, musica, reading e letture dal vivo.
Gli eventi verranno trasmessi in diretta streaming su Facebook, Youtube e sulla home page di lectorinfabula.eu

Guarda il mondo dove va

20 e 21 novembre

20 novembre

Lector Ragazzi
ore 9:30

in collaborazione con Associazione Hamelin

Noi non abbiamo ereditato il mondo dai nostri padri, ma lo abbiamo avuto in prestito dai nostri figli e a loro dobbiamo restituirlo migliore di come lo abbiamo trovato. Diana sottosopra è una fiaba delicata che riporta l’attenzione al disastro ecologico e all’importanza della salvaguardia dell’ambiente attraverso un linguaggio capace di parlare a bambine e bambini. Kalina Muhova ci porta a conoscere i luoghi della sua infanzia, una Bulgaria fatta di tradizioni e natura, marmellate di rose e boschi incontaminati che oggi più che mai sono in grave pericolo.

Campus
ore 10:30

Di fronte alle tragedie del passato si poteva forse dire: «nessuno sapeva». Gli orrori del presente li conosciamo quasi tutti: reporter, fotografi, attivisti ce li raccontano ogni giorno da anni. Eppure nulla accade. Che cosa è successo? Testimoniare non serve più? Un saggio potente sull’impotenza di chi racconta e sull’indifferenza di tutti noi.

Lector Ragazzi
ore 11:30
Evento spostato alle 21:30

Libriamoci 2020

in collaborazione con Associazione Hamelin

La Carta costituzionale non è un semplice elenco di principi e regole. È prima di tutto un grande racconto, ci spiega da dove arriviamo e dove non vogliamo più tornare. È la legge più importante del nostro Paese. I valori su cui si basa, i principi che difende, i diritti e i doveri che sancisce sono l’eredità lasciataci dai nostri nonni a garanzia di una vita libera e dignitosa. Conoscerla diventa così fondamentale per capire il nostro passato, per vivere al meglio il nostro presente, per costruire il nostro futuro.

Libex
ore 12:30

in collaborazione con Consiglio d’Europa e VoxEurop

La libertà di espressione è il termometro per misurare la salute dello stato di diritto e della democrazia. Tra la propagazione di fake news e una effettiva mancanza di fact-cheking per contrastarli, si inserisce la tentazione autoritaria, sia dei governi sia dell’Ue, di prevenire ogni forma di dissenso o di domanda al potere, mediante la censura operata tramite algoritmi dai grandi operatori del web, al di fuori del potere giudiziario. Con il rischio di farla diventare una minaccia per la nostra libertà di espressione e quindi per il futuro delle democrazie.

conduce
Fuori orario
ore 14:00

in collaborazione con COPEAM

Animakids
ore 14:30

a cura di Luigi Iovane, direttore artistico del festival Imaginaria

Risiko
ore 15:00

Il vecchio ordine mondiale si sta rapidamente trasformando. la Cina sta diventando un gigante dell’intelligenza artificiale, egemonizzando l’Africa. In una situazione complessa più che il mercato è di nuovo lo Stato a essere protagonista nel XXI secolo, poiché queste multinazionali sono in gran parte subordinate ai governi nazionali. Il declinante Occidente riuscirà a individuare strategie per non soccombere nell’eterna lotta per il potere?

Pagina’21
ore 16:15

in collaborazione con Commissione europea, rappr. in Italia

L’epidemia di Covid-19 ha assestato un altro duro colpo al nostro paese. Bisogna affrontare con coraggio i problemi strutturali che affliggono l’Italia. L’inadeguatezza del nostro mercato del lavoro, i ritardi del sistema formativo, il paradosso di un paese che ignora le decine di migliaia di ragazzi costretti a emigrare ogni anno e continua a non gestire (e forse a non comprendere) l’immigrazione.

interviene
Parole del tempo
ore 17:30

L’attuale pandemia mette in crisi, con l’appello al distanziamento sociale, la più grande delle invenzioni della modernità: lo spazio come siamo abituati a pensarlo e praticarlo. E dalla crisi dello spazio derivano le crisi dello Stato, del sapere e della scienza.

introduce
Cambiamenti
ore 18:45

in collaborazione con Coop Sociale Itaca

Capire il mondo dove va. Capire noi stessi. Qualcuno ha detto che nella nostra vita non commettiamo tanti errori ma sempre lo stesso, ripetuto infinite volte. Perché i nostri sbagli raccontano di noi molto più di quanto non crediamo: della nostra storia, di come eravamo, di cosa siamo diventati. Eppure, soprattutto quando si è ragazzi – a scuola, in casa, persino con gli amici – sbagliare è diventato un tabù,

Parole di carta
ore 20:00

Tra futuristi e futurocrati, feste dell’Età del Jazz e odierni aperitivi, fra esplosioni di rabbia sociale e intelligenze artificiali, le storie e le domande rimbalzano da un secolo all’altro. Ci dicono tutta l’ansia e la meraviglia di svegliarsi negli anni Venti. E di vivere il proprio tempo, nonostante tutto, come un’avventura irripetibile.

interviene

21 novembre

Lector Ragazzi
ore 9:30

in collaborazione con Associazione Hamelin

In un universo dove tutto si smaterializza, trovarsi è facile quanto perdersi: una riflessione sulla tecnologia e il suo ruolo nelle relazioni umane, una storia profonda sull’amicizia e su quanto possiamo davvero conoscere gli altri. L’autore di To Be Continued, il web comic italiano più sorprendente degli ultimi anni, scrive una storia di adolescenza, suggestiva come una puntata di Black Mirror e poetica come Her di Spike Jonze.

Campus
ore 10:30

Capire il mondo, capire l’Universo. La vicenda dei quanti, delle sue stranezze, dei suoi paradossi, della sua estrema precisione, delle sue domande filosofi che sulla realtà e sull’oggettività ha attraversato tutto il XX secolo, e non ha raggiunto ancora un approdo sicuro. La discussione è più che mai aperta e va di pari passo con i risultati empirici e le straordinarie tecnologie che ha prodotto. La domanda resta aperta: «Ma davvero tu credi che la Luna non sia lì quando nessuna la guarda?».

Campus
ore 11:30

Libriamoci 2020

Per capire la natura complessa dell’amicizia dobbiamo confrontarci con alcune voci della filosofia, a partire da Socrate e dal suo incessante tuffarsi nella relazione che ci pone le domande decisive: il legame tra amici nasce dalla somiglianza, dall’avere abitudini e radici in comune o è la diversità ad attrarci? Perché per Aristotele l’amicizia è «il cemento della polis? Pietro Del Soldà ci accompagna nell’incontro con filosofi e poeti, visioni e voci che ci fanno rispondere al nostro bisogno di senso e diventare migliori insieme agli amici.

Lectorintavola
ore 12:45

in collaborazione con IAMB Ciheam

Occorre una riflessione, non solo politica ma anche filosofica sui cambiamenti che stanno scuotendo il mare nostrum. Il Mediterraneo, culla della civiltà occidentale, mare chiuso e per questo necessariamente creatore di una società aperta, racconta storie spesso sospese fra identità plurali. Arabi, Fenici, Greci, Romani, il Mediterraneo è un mosaico di diversità che costituiscono la sua stessa ricchezza e identità. Un intreccio mai interrotto tra religioni, costumi, lingue, culture, alimentazione, tavola e cibo. Così, il dialogo e la ricchezza delle differenze sono l’unica garanzia di pace, strumento per uno sviluppo economico e culturale sostenibile.

dialoga con
Animakids
ore 14:00

a cura di Luigi Iovane, direttore artistico del festival Imaginaria

Parole di carta
ore 15:00

Se nasci in Africa come Amadou da una famiglia povera non hai tante possibilità. La tua vita è già segnata. A meno che tu non sia un fuoriclasse con il pallone. Allora puoi cominciare a sognare. Almeno quindicimila ragazzi africani, secondo l’Ong francese Foot Solidaire, arrivano ogni anno in Europa col sogno di diventare calciatori professionisti. Solo uno su mille ce la fa. A reclutarli falsi procuratori o semplici truffatori che promuovono loro provini con club blasonati in cambio di importanti somme di denaro. Salvo poi abbandonarli al loro destino. Perché anche il mondo dorato del pallone nasconde i suoi inganni e le proprie miserie.

conduce
Scuola per la Buona Politica
ore 16:00

in collaborazione con CoReCom Puglia

In questo anno di pandemia, nel volgere di pochi mesi, è cambiato il clima e il sentimento dell’opinione pubblica italiana, in ordine ai temi sociali, economici e politici. Tra marzo e ottobre, secondo i dati rilevati da Ipsos, il sentimento di coesione nazionale, di condivisione del momento drammatico e di rispetto per le regole sembra aver lasciato il passo ad un malcontento diffuso, sia se la si pensi che si stiano adottando regole troppo rigide sia, viceversa, di misure troppo permissive. Il tutto mentre le Istituzioni e la Politica non danno il meglio di sé, in un conflitto permanente tra maggioranza e opposizione e tra Stato e Regioni. Nel frattempo, nel linguaggio comune manca paradossalmente proprio la parola “futuro”.

interviene
Pagina’21
ore 17:30

in collaborazione con IAI

Come sarà l’America di Joe Biden e di Kamala Harris? Come sarà il mondo dopo il 4 novembre 2020? Le elezioni presidenziali americane hanno un vincitore per tutti tranne che per Donald Trump e parte dei suoi sostenitori. Non era mai successo prima che un presidente uscente non riconoscesse la vittoria del suo sfidante, un vulnus nella grande democrazia d’oltreoceano. Nel frattempo moltissimi capi di Stato hanno telefonato a Biden per congratularsi, isolando di fatto il presidente uscente.

interviene
conduce
VentiVenti
ore 18:45

La crisi sanitaria ed economica che l’Italia sta attraversando richiede un ripensamento corale dei modelli economici dominanti: un percorso lungo e impervio necessario per ricercare strumenti di tutela sempre più incisivi in grado di rispondere alle esigenze delle comunità, ai cambiamenti climatici e alle nuove sfide economiche.

presenta Francesco Romito
modera
Leggere parole
ore 20:00

Più di sette secoli fa inizia l’avventura di un ragazzo veneziano di 17 anni con un viaggio verso “l’oltre” non conosciuto in Occidente. Venticinque anni di peregrinazioni, un itinerario attraverso il Vicino Oriente, la Persia, l’Asia centrale, la Cina, il Sud-Est asiatico e l’India. Il padre e lo zio del ragazzo erano due mercanti, oggi si direbbe imprenditori dell’import-export, con empori nell’odierna Istanbul e in Crimea, sul Mar Nero. Il destino, o la voglia di conoscere, li spinse oltre. Verso la Cina, o meglio verso quella che era la superpotenza del mondo di allora: l’impero del Gran Khan Kubilai. Quel giovane si chiamava Marco Polo, il primo straniero a rivelare la molteplicità di un mondo sconosciuto all’Europa intera attraverso le sue memorie, il “Libro delle Meraviglie”, meglio noto come “Il Milione”.

Fuori orario
ore 22:30

Dalla A di Amarcord alla V di Vitelloni, scorre la poetica felliniana e una straordinaria vita d’artista, affollata di incontri e ricca di onori, eppure segnata dalla solitudine di una perenne ricerca. Nello specchio dell’infanzia e nei labirinti del desiderio, non meno che nella realtà quotidiana di un’Italia in radicale trasformazione, Fellini fu tra i pochi a saper cogliere il Paese in divenire, regalandoci un immaginario che ormai è diventato struttura del profondo.

dialoga con

info

Le informazioni sul programma, i cambiamenti dell’ultima ora, gli eventi sospesi o soppressi, sono costantemente aggiornate su questo sito www.lectorinfabula.eu oppure possono essere richieste telefonicamente alla segreteria organizzativa.

TORNA SU