Anche se tutti, io no!
Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

Il 15 agosto del 2017 cade il decimo anniversario della strage di Duisburg. All’epoca i i sicari di una cosca calabrese, come nella Chicago anni Trenta, spararono e ammazzarono 6 ragazzi conterranei che lavoravano in  pizzeria. La loro colpa: far parte della banda rivale. La città tedesca rimase ammutolita di fronte a questo rigurgiito arcaico e la nomea calabrese nel mondo si rovinò definitivamente.

Eppure la Calabria è una regione a due facce: non c’è luogo più accogliente, dialetto più dolce del calabrese. C’è un che di materno nei modi di fare di tanti calabresi, sempre felici di invitare, di pagare al bar, di cucinare e vedere l’ospite satollo e contento. E alla realtà squallida di paesi come Rosarno, abbandonati a se stessi, con case dai tetti di lamiera, faide e ragazzi che sper sport sparano agli immigrati, si contrappongono realtà virtuose.

Gli esempi ci sono e sono tanti. Io penso a Riace che accoglie tutti i rifugiati, che predica un antico motto greco: “In ogni straniero si nasconde un Dio”. La fantasia generosa di questo paese poverissimo che ha aperto le sue case e creato posti di lavoro per immigrati curdi, siriani, eritrei, pur non avendone per i propri abitanti è diventata anch’essa un modello nel mondo. Penso a Gioiosa Jonica dove la cooperativa Goel ha contagiato gli imprenditori locali come  una febbre grazie alla sua capacità manageriali; a Locri dove un gruppo di ragazzini ha coraggiosamente messo su il movimento “E adesso ammazzateci tutti!”, dove il vescovo Giancarlo Bregantini ha schierato la Chiesa in maniera radicale contro la Ndrangheta. Di questa Chiesa fa parte anche il padre gesuita Giovanni Ladiana, uno dei protagonisti in prima linea nel contrasto alla mafia.

Negli ultimi anni ha fondato il movimento “Reggio Non tace” e scritto un libro dal titolo signiicativo: “Anche se tutti, io no!”

Marina Collaci

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO
#LinF18
LECTORINFABULA
Fondazione "Giuseppe Di Vagno (1889-1921)"
Via San Benedetto, 18
70014 Conversano (BA)